Quali sono le lingue più studiate nell’UE?

Quali sono le lingue più studiate nell’UE?

La conoscenza delle lingue straniere è uno strumento essenziale per lo scambio culturale. È ampiamente noto che tali competenze sono richieste e incoraggiate in molti posti di lavoro e che possono facilitare la comunicazione in diversi altri contesti.

Secondo i dati forniti dall’ufficio statistico dell’Unione Europea Eurostat, nel 2019 il 59% degli studenti dell’istruzione secondaria superiore generale (livello 34 ISCED) ha studiato due o più lingue straniere nell’UE. Fra i paesi dell’UE, in Lussemburgo e Francia tutti gli studenti dell’istruzione secondaria generale superiore hanno studiato due o più lingue straniere. Anche l’Estonia, la Romania, la Cecoslovacchia e la Finlandia hanno un’ampia percentuale di studenti che studiano due o più lingue (tutti al 99%), seguiti da vicino da Slovacchia (98%), Croazia (95%) e Slovenia (92%).

Al contrario, in Grecia, solo l’1% degli studenti dell’istruzione secondaria superiore generale ha studiato due o più lingue straniere nel 2019. Basse quote di studenti di lingue sono state registrate anche in: Portogallo (6%), Irlanda (12%), Italia (25%) e Spagna (27%).

Nel 2019, l’inglese è stata la lingua straniera più comunemente studiata a livello di istruzione secondaria generale superiore nell’UE (96%). Lo spagnolo si è classificato al secondo posto (26%), seguito da francese (22%), tedesco (20%) e italiano (3%).

Per ulteriori informazioni consuetare il seguente link.