Istruzione superiore: preparare le università dell’UE al futuro grazie a una maggiore cooperazione transnazionale

Istruzione superiore: preparare le università dell’UE al futuro grazie a una maggiore cooperazione transnazionale

Oggi più che mai la società europea ha bisogno del contributo delle università e degli altri istituti di istruzione superiore. L’Europa deve affrontare sfide importanti, tra cui i cambiamenti climatici, la trasformazione digitale e l’invecchiamento della popolazione, proprio in un momento in cui è colpita dalla più grande crisi sanitaria mondiale degli ultimi cento anni e dalle sue ricadute economiche. Le università e l’intero settore dell’istruzione superiore si trovano in una posizione unica, al crocevia tra istruzione, ricerca e innovazione, per plasmare economie sostenibili e resilienti e rendere l’Unione europea più verde, inclusiva e digitale.

Le due nuove iniziative adottate ieri, una strategia europea per le università e una proposta della Commissione di raccomandazione del Consiglio sul costruire ponti per un’efficace collaborazione a livello europeo nel campo dell’istruzione superiore, sosterranno le università in questo sforzo.

Realizzare gli obiettivi: quattro iniziative faro

La dimensione europea dell’istruzione superiore e della ricerca sarà rafforzata da quattro iniziative faro entro la metà del 2024:

  • arrivare a 60 Università europee, coinvolgendo oltre 500 istituti di istruzione superiore, entro la metà del 2024, con un bilancio indicativo Erasmus+ pari a 1,1 miliardi di € per il periodo 2021-2027. L’obiettivo è sviluppare e stabilire una cooperazione strutturale, sostenibile e sistemica comune a lungo termine in materia di istruzione, ricerca e innovazione, istituendo campus interuniversitari europei in cui studenti, personale e ricercatori di tutte le parti d’Europa possano beneficiare agevolmente della mobilità e creare nuove conoscenze insieme, in una prospettiva che superi i confini tra paesi e discipline;
  • lavorare all’elaborazione di uno statuto giuridico per le alleanze degli istituti di istruzione superiore che consenta a tali istituti di mettere in comune le loro risorse e capacità e i loro punti di forza, con un progetto pilota Erasmus+ a partire dal 2022;
  • lavorare alla creazione di un diploma europeo comune per riconoscere il valore delle esperienze transnazionali nel titolo di istruzione superiore conseguito dagli studenti e ridurre la burocrazia per la realizzazione di programmi comuni;
  • potenziare l’iniziativa relativa alla carta europea dello studente con l’introduzione di un identificativo univoco di studente europeo disponibile per tutti gli studenti in mobilità nel 2022 e per tutti gli studenti delle università d’Europa entro la metà del 2024, al fine di agevolare la mobilità a tutti i livelli.

Per ulteriori informazioni consultare il seguente link.